Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

V-FIDES - Veicolo Filoguidabile per l’ Identificazione, la Detezione e l’Esplorazione Subacquea (Regione Toscana)


(Remote controlled vehicle for the underwater identification, detection and exploration) 

 

V-FIDES is a project co-funded by Regione Toscana (Tuscany Region, Italy) for the study of the technologies required for the development of a new generation of autonomous underwater vehicles (AUV) (PAR FAS 2007-2013 PIR 1.1 - POR CReO FESR 2007-2013 Linea di Intervento 1.6). The new vehicle will be suitable for different missions:
 

·         Seafloor exploration
·         Environmental monitoring
·         Monitoring of civil plants
·         Simple robotic operations (cleaning, micro-coring, water sample analysis)
 

The technologies shall be studied with the development of a prototype of the vehicle.
 

V-FIDES is developed by a team lead by WASS (Whitehead Alenia Sistemi Subacquei, Livorno) with the participation of Kayser Italia Srl (Livorno) and of the Scuola Superiore S. Anna (Pisa). The team is supported by a group of specialists including Compolab (Livorno), CRM (Livorno) and Polo dei Sistemi Logistici of University of Pisa.

 

Kayser Italia will design and develop the Vehicle Control Electronics (ECV), characterised by a modular architecture for an efficient support of the different mission configurations. The vehicle shall be either autonomous (guidance and control system is developed by the University of Pisa) or remote controlled through a multi-channel communication system.

 

Kayser Italia is also responsible for the development of the Power Distribution Module (PDM). The sub-system concept is inherited from the Kayser Italia experience in the space applications. The PDM will be able to manage, convert and distribute the power to the several subsystems, limiting the overall vehicle consumptions and so extending the duration of the possible missions. The PDM will implement a continuous monitoring of the subsystems consumptions. In case of need, each single module could be isolated, supporting the continuation of the mission even in case of faults. 

 

V-FIDES è un progetto co-finanziato dalla Regione Toscana per lo studio delle tecnologie necessarie allo sviluppo di una nuova generazione di veicoli subacquei autonomi (AUV) (PAR FAS 2007-2013 PIR 1.1 - POR CReO FESR 2007-2013 Linea di Intervento 1.6). Il nuovo veicolo potrà essere usato per diversi tipi di missioni:
 

·         Esplorazione del fondale
·         Monitoraggio ambientale
·         Monitoraggio di impianti civili
·         Semplici operazioni robotiche (pulizia, micro-carotaggio, campionamento delle acque)
 

Le tecnologie verranno studiate con lo sviluppo di un prototipo del veicolo.

 

V-FIDES è sviluppato da un consorzio guidato da WASS (Whitehead Alenia Sistemi Subacquei, Livorno) con la partecipazione della Kayser Italia Srl (Livorno) e della Scuola Superiore S. Anna (Pisa). Il team è supportato da un gruppo di specialisti fra cui Compolab (Livorno), CRM (Livorno) ed il  Polo dei Sistemi Logistici dell’Università di Pisa.


Kayser Italia progetterà e svilupperà l’Elettronica Controllo Veicolo (ECV), caratterizzata da una architettura modulare per un’efficiente supporto alle diverse configurazioni di missione. Il veicolo sarà sia autonomo (il sistema di navigazione e controllo è sviluppato dall’ Università di Pisa) che controllabile in remoto grazie ai diversi canali di comunicazione disponibili.


Kayser Italia è responsabile dello sviluppo del Power Distribution Module (PDM). Il concetto del sottosistema è derivato dall’esperienza dell’ azienda nelle applicazioni spaziali. Il PDM sarà in grado di gestire, convertire e distribuire la potenza ai vari sottosistemi, limitando il consumo totale del veicolo e quindi aumentando la possibile durata delle missioni. Il PDM implementerà un monitoraggio continuo dei consumi dei diversi sottosistemi. In caso di bisogno, ogni singolo modulo potrà essere isolato, permettendo la continuazione della missione anche in caso di problemi.

 

Informativa: "Le opinioni espresse in quest articolo rappresentano il punto di vista degli autori e non riflettono necessariamente il parare della Regione Toscana"
Disclaimer: “The view expressed herein can in no way be taken to reflect the official opinion of the Regione Toscana.”
 
Copyright